Acino Parlante: blog vino, birra, olio, tendenze

Un tour virtuale alla vigilia del Vinitaly. Alla scoperta di quattro vini italiani davvero eccellenti.

L’edizione numero 48 della più famosa e prestigiosa kermesse internazionale dedicata al vino sta per iniziare

Notizie in ambito wine, anteprime e consigli, iscriviti alla newsletter

04/04/2014

L’edizione numero 48 della più famosa e prestigiosa kermesse internazionale dedicata al vino sta per iniziare. Fervono i preparativi, gli ultimi ritocchi stanno per essere completati, gli stand sono quasi ultimati e i prodotti hanno ormai trovato la loro collocazione, posizionati accuratamente su scaffali, mensole e banconi.
Stiamo parlando, ovviamente del Vinitaly, l’evento principe dedicato al "nettare degli dei" che si terrà in fiera a Verona dal 6 al 9 aprile prossimi. Tra le novità di quest’anno, un padiglione internazionale ideato per le produzioni estere, arricchito da un’ampia area tasting e un ulteriore zona riservata alla presentazione e alla degustazione di prodotti biologici e biodinamici certificati. La parte del leone, come sempre, la faranno però i vini italiani, tra cui spiccano delle vere e proprie eccellenze.
La nuova numerazione e mappatura dell’area espositori, modificata rispetto alla scorsa edizione, viene riportata all’interno del sito istituzionale, tuttavia, in anticipo sui tempi, vogliamo condurvi in un tour virtuale che ci porterà in visita all’interno di quattro stand, dando un occhio in prima persona a quelle aziende che, a nostro avviso, si distinguono per qualità del prodotto.
Partiamo dal padiglione A, dedicato ai vini del Piemonte. Al suo interno sono collocate le aziende leader del settore provenienti da questa regione. Una particolare menzione va di diritto alla Adami Spumanti, ubicata allo stand P 4. Tra le varie bottiglie pregiate che l’azienda offre, troviamo quella del DEI CASEL Extra Dry Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG. Questo vino prende in dote la propria denominazione dall’antico soprannome della famiglia Adami. Uno spumante realizzato da uve di tipo Glera, provenienti dai Colli dei Comuni di Valdobbiadene-Vidor-Farra di Soligo. Gli acini utilizzati trovano la perfetta maturazione su colline che presentano forti pendenze, esposte ad un clima rigido d’ inverno, caldo mitigato d’estate, ma mai afoso.
Il colore giallo paglierino unito alla spuma fitta, dal perlage fine e persistente, balza immediatamente agli occhi come segno distintivo, seguito da una fragranza fruttata, con punte di mela gialla, pesca, frutta esotica, glicine e fiori. Il sapore morbido e fresco crea una sinergia impeccabile con gli aromi sprigionati, donando a questo prodotto armonia ed eleganza .
Il DEI CASEL Extra Dry Valdobbiadene è adatto e indicato per ogni occasione di incontro e di festa, un eccellente aperitivo, particolarmente adatto ad accompagnare pandoro e panettone, sposo perfetto di  pasticceria secca, stuzzichini e torte non cremose.
Proseguendo nel nostro tour attraverso i sapori e gli aromi dei prodotti di Bacco, consigliamo una visita presso lo stand dell’azienda Monzio Compagnoni, all’interno del Palaexpo (ci spostiamo in Lombardia) collocato alla posizione C 18. L’azienda, nata ufficialmente alla fine del 1987, si trova arroccata sulle colline di Cenate Sotto (BG), estesa sul colle dell’Emnetta, coltivato a vigneto su una superficie di 33.000 metri quadri.
Tra i prodotti di spicco dell’azienda troviamo Il vino "Colle della Luna Bianco Valcalepio". Presenta alla vista un colore giallo paglierino lucido, tendente al verde, a cui abbina un’aroma che rimanda gli agrumi, in particolare al pompelmo, con una punta finale di frutta esotica. Grazie alla notevole acidità, ben bilanciata dalla componente fruttata, che ricorda il mango e la papaia, porta al palato una percezione fresca e intensa. Si abbina eccezionalmente a piatti di pesce semplici, minestre di verdura, torte salate e frittate.
Proseguendo sulla scia dei vini del nord Italia, menzioniamo un’altra realtà piemontese che, grazie alla sua storia e alla sua esperienza decennale nel settore vinicolo, merita sicuramente una visita.
Al padiglione 10, precisamente alla postazione numero 7, troviamo lo stand di “Rocche Costamagna”. Azienda all’avanguardia nel settore che propone prodotti raffinati e ricercati, tra i quali ci sentiamo di consigliare il "Barolo Chinato". Colore Rosso granato con intensi riflessi color mattone. Un prodotto dall’aroma complesso e di notevole persistenza, con sentori di spezie ed erbe aromatiche, china calissaja, rabarbaro e cannella. Al palato si presenta pieno, vellutato e avvolgente. Un retrogusto amarognolo lo riconduce alle sensazioni olfattive. Perfetto vino da meditazione. Sublime digestivo. Assoluta affinità con la cioccolata fondente.
Il nostro tour virtuale si conclude tra le calde regioni del sud Italia. Inseriti per l’occasione all’interno del padiglione B, i prodotti campani, freschi e corposi, sono collocati in bella mostra dinnanzi a noi, un richiamo di profumi e colori che attrae qualunque visitatore nelle vicinanze. Tra le innumerevoli bottiglie di bianco, rosso e rosè troviamo, allo stand Salerno, l’azienda agricola “Reale”, società che affonda le proprie radici a ridosso della costiera Amalfitana, inserita all’interno della suggestiva cornice dei Monti Lattari. Tra i prodotti di spicco della società campana non possiamo non degustare il "Borgo di Gete", rosso, estratto dalle uve nate da terreno argilloso vulcanico e affinato per 18 mesi in botti di Rovere Francese. Un vino dal colore cupo, di carattere, intenso ed intrigante. Al naso rimanda sentori di frutta e note speziate. In bocca ne risalta la piacevolezza ed una punta di acidità. Eccellente abbinato alle carni di maiale.
Con questo breve viaggio tra le prelibatezze italiane ci auguriamo di avervi dato un piccolo assaggio di quanto di eccezionale ci riservi questa nuova edizione del Vinitaly. Una nuova storia d’amore, una rinnovata passione per i frutti della terra, per le vigne, per il vino.

Il cantina e'