Acino Parlante: blog vino, birra, olio, tendenze

Goji, il frutto della longevità

Da più di duemila anni, il frutto del Goji , è un elemento imprescindibile della dieta quotidiana di alcuni popoli e, grazie alle sue preziosissime proprietà antiossidanti, costituisce un vero e proprio rimedio naturale che aiuta l’ organismo a mantenersi sano e in buona salute.

Notizie in ambito wine, anteprime e consigli, iscriviti alla newsletter

27/03/2014

Se le popolazioni provenienti dalle valli himalayane della Mongolia, del Tibet e delle province della Cina del Nord sono considerate tra le più longeve  al mondo, un po’ di merito, a quanto pare, lo si deve anche a una bacca selvatica che proprio in quelle terre, dagli orizzonti a noi così lontani, cresce rigogliosa e spontanea.
 
Da più di duemila anni, infatti, il frutto del Goji, un arbusto deciduo perenne della famiglia delle solanacee (per capirci della stessa famiglia delle melanzane, dei pomodori, delle patate e dei peperoni), è un elemento imprescindibile della dieta quotidiana di questi popoli e, grazie alle sue preziosissime proprietà antiossidanti, costituisce un vero e proprio rimedio naturale che aiuta l’organismo a mantenersi sano e in buona salute.
 
Le sue proprietà benefiche hanno contribuito negli ultimi decenni alla diffusione di questo alicamento anche nel continente europeo. Il frutto, rosso, leggermente allungato e contenente diversi semini appiattiti, racchiude un microcosmo ricchissimo di nutrienti: dai carboidrati, toccasana per il sistema immunitario, alle proteine e ai lipidi, tra cui Omega 3 e Omega 6, fino ad arrivare al Germanio, un potente antiossidante indicato per proteggere l’organismo in caso di radiazioni e per contrastare casi di artrite reumatoide, ipertensione e allergie di varia natura.
Al Goji sono attribuite anche funzioni anti-age: le vitamine del gruppo C ed E presenti nel frutto proteggono dai radicali liberi e dallo stress ossidativo. Secondo la scala del grado di capacità antiossidante (tasso Orac), infatti, le bacche di Goji rappresentano il grado più elevato. Basti pensare, ad esempio, che il lampone nero è a quota 7700 contro i 25300 del frutto venuto dall’Oriente. Il cioccolato fondente si ferma, per così dire, a 13120.
 
Il Goji si può consumare fresco, appena raccolto (e qui consigliamo di curare direttamente noi la piantina acquistandola ad esempio su http://www.piantinedaorto.it/prodotti/16358-goji). Tuttavia è preferibile essiccarlo o miscelarlo con altri prodotti quali succhi di frutta, yogurt, tè, merendine, barrette, marmellate. Il sapore ricorda quello dei piccoli frutti: mirtillo, uva passa, lampone o fragola.

 
Viene consigliato come integrazione ad uno stile di vita sano sia per adulti che per bambini, anziani e sportivi, vegani e persone che devono tenere sotto controllo il loro peso corporeo (il Goji ha un bassissimo indice glicemico).
Oltre a rinforzare il sistema immunitario, il frutto rosso disintossica il fegato, migliora la resistenza muscolare e rappresenta un valido alleato nei periodi di forte stress.
Sconsigliabile per chi soffre di allergia al pomodoro. 
 
La pianta di Goji è disponibile e acquistabile online sul sito www.piantinedaorto.it

Il cantina e'